Chi Siamo

DIGILOC è una società consortile costituita secondo le disposizioni del regolamento dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni- AGCOM in materia di diffusioni radiofoniche in tecnica digitale DAB+ (Deliberazione n. 664/2009/CONS), che svolge l'attività di operatore di rete radiofonico locale.

Sono socie le seguenti imprese radiofoniche locali: Bella Radio, DELTARETE5, RADIO BIRIKINA, RADIO NUMBER ONE, RADIO MATER, RADIO SOUND 95, RADIO STUDIO PIU', RADIO VALBELLUNA, RADIO VIVA.

Con la delibera 180/2012 l'AGCOM ha pianificato i blocchi di frequenza in banda terza per le aree di Trento e Bolzano, dando l'avvio al Progetto Pilota di Trento. Digiloc ha ottenuto, dal Ministero dello Sviluppo Economico-Dipartimento delle Comunicazioni, il rilascio dei diritti d'uso per il blocco 12D per la provincia di Trento, e trasmette attualmente dalla postazione di Paganella con tecnologia Dab+.

Al fine della realizzazione del servizio tecnico di trasmissione si avvale di Rai Way SpA, società controllata dalla concessionaria pubblica RAI – Radiotelevisione Italiana SpA, con la quale ha stipulato un contratto di servizio.

Digiloc nasce nell'ambito di Aeranti-Corallo, organizzazione di categoria composta dalle associazioni AERANTI e CORALLO, che rappresenta imprese radiofoniche e televisive locali.

Aeranti-Corallo, in forza di un accordo di cooperazione con Rai Way, ha promosso, nella precedente fase di sperimentazione, la realizzazione di due MUX di emittenti locali che hanno effettuato trasmissioni in tecnica digitale DAB+ e DMB nelle aree di Venezia e di Bologna.

Aeranti-Corallo è socio fondatore insieme a Rai Way e a RNA della ARD –Associazione per la Radiofonia Digitale in Italia, che, costituita nel 2008, ha lo scopo di promuovere lo sviluppo della radiofonia digitale quale naturale evoluzione per tutte le imprese radiofoniche locali e nazionali già operanti in tecnica analogica, mediante la formulazione di proposte regolamentari e per l'individuazione degli standard tecnici minimi che devono possedere i ricevitori per essere idonei al mercato italiano; ARD si è dotata di un sistema di autocertificazione dei ricevitori.